UNA DOVEROSA COMMEMORAZIONE

claustroProf. Salvatore Livrieri. Dirigente Scolastico - Antropologo
Professore di Materie umanistiche, Musicista e Compositore, Antropologo, Dirigente, Testimone, difensore e modello di valori e virtù!
Da giovane amò dedicarsi alla salvaguardia, conservazione e valorizzazione del preziosissimo patrimonio sociale e culturale del popolo altamurano. Per questi ed altri meriti fu e sarà ricordato e mai sarà dimenticato con il prezioso ed originale lavoro su “I claustri di Altamura, Scrigno di valori e virtù” realizzato dagli alunni (a. s.1994/1995) della Scuola Media “Padre Pio” di Altamura, coordinati e guidati dal pedagogo prof. Fedele Raguso. Opera pubblicata da Adda Editore (Bari, 2018) per determinata volontà del prof. Claudio Crapis, dirigente scolastico della Scuola Media Statale “Padre Pio” di Altamura.


“Il borgo antico di Altamura” con i suoi claustri fu culla di radici e scrigno di ricordi e di valori, ove Salvatore nacque il 18 ottobre 1951 da Antonio e Francesca Saponaro, cittadini umili, onesti e lavoratori altamurani. Vide la luce e visse in Via Laudati, crebbe e si formò presso e dentro i “claustri”, luoghi di semplicità, valori e sane tradizioni. Seguì gli studi superiori a Matera, si addottorò in Pedagogia (1974) presso l’Università degli Studi di Bari.
Salvatore, unitamente agli studi, amò la musica e le tradizioni popolari con tutti i loro aspetti. Infatti, studiò musica ed imparò a suonare la chitarra classica. Istituì il “Canzoniere altamurano” con il precipuo fine di raccogliere, rielaborare e far conoscere i vecchi canti di contadini e pastori delle Murge.
La mattina del 22 febbraio 1994, mentre si recava alla Scuola che dirigeva, finì contro un camion, perdendo la vita nel violento impatto. Fu per tutti un duro colpo, soprattutto per moglie, figli, genitori, colleghi e quanti lo amavano e lo stimavano.
Oggi Salvatore merita speciale gratitudine per l’esistenza spesa per la difesa e l’attestazione dei preziosi valori.
Altamura 22 febbraio 2020
                                                                                                                                         Fedele RAGUSO

 
 
Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter